La storia della famiglia Einaudi da oltre un secolo si intreccia con la storia della cultura italiana.

Luigi Einaudi fu giornalista, accademico, politico, economista: fu anche un autore molto prolifico, con una produzione che spaziava dall’economia alla politica, dalla storia alla bibliografia.

Nel 1964, il figlio Mario, docente universitario e preside del Dipartimento di Scienze politiche alla Cornell University di Ithaca, New York, per conservare ed accrescere la biblioteca paterna, e consentirne l’accesso agli studiosi, creò a Torino la Fondazione Luigi Einaudi di cui fu il primo presidente. La Fondazione è ancora oggi uno dei più importanti centri di ricerca nel campo delle scienze sociali, sostiene i giovani studiosi attraverso la concessione di borse di studio, la promozione di pubblicazioni, l’organizzazione di seminari e convegni.

Giulio Einaudi EditoreNel 1933 il figlio Giulio fondò la Giulio Einaudi Editore insieme a Leone e Natalia Ginzburg, Mila, Bobbio, Pavese, Pintor. Dapprima votata alla saggistica, sotto la guida di Pavese divenne un punto di riferimento per la narrativa italiana e straniera. Crocevia di impegno civile e amore per la letteratura, fu determinante per la storia culturale italiana. Diressero importanti collane Vittorini e Calvino, Bollati e Davico, Ruggiero Romano e Vivanti, Alberto Asor Rosa, Carlo Ginzburg e Giovanni Levi.

Ludovico EinaudiFiglio di Giulio e di Renata Aldovrandi, figlia a sua volta di un compositore e direttore d’orchestra, Ludovico Einaudi da oltre vent’anni è tra gli artisti italiani più famosi nel mondo. Pianista e compositore, ha portato nella sua musica la canzone popolare, la tradizione classico-romantica, il jazz e il rock, il minimalismo, l’elettronica, le culture extraoccidentali.

Einaudi - Collezioni d'arte

Infine, Matteo Sardagna Einaudi, figlio di Paola e nipote di Roberto, secondogenito del Presidente, oggi alla guida dei Poderi, è insieme alla moglie un fine collezionista di arte moderna e contemporanea, rinascimentale e fiamminga.