ITA | ENG | DE News  |  Dove siamo - contatti 
Italy best wine tours

La storia

Luigi Einaudi: l'uomo, il politico

Luigi Einaudi si è laureato in giurisprudenza a soli 21 anni ha proseguito la propria carriera come redattore de "La Stampa" di Torino e del "Corriere della Sera" di Milano fino al 1926, corrispondente finanziario ed economico del settimanale "The Economist". Ha diretto la rivista "La Riforma Sociale" dal 1900 al 1935 e la "Rivista di Storia Economica" dal 1936 al 1943.

Ha occupato la cattedra di Scienza delle finanze all'Università di Torino con l'incarico di Legislazione industriale ed economica politica di quel Politecnico, e di Scienza della finanze all'Università Bocconi di Milano.

I suoi altissimi meriti scientifici hanno avuto ampi riconoscimenti, tra i quali si ricordano:
- Socio e Vice-Presidente della Accademia dei Lincei;
- Socio della Accademia delle Scienze di Torino;
- Socio dell'Institut International de Statistique de L'Aja;
- Socio dell'Econometric Society di Chicago;
- Socio onorario dell'American Academy of Arts and Sciences di Boston;
- Socio dell'American Academy of Political and Social Science di Filadelfia;
- Socio onorario della American Economic Associciation;
- Socio onorario della Economic History Association di New York;
- Presidente onorario della International Economic Association;
- Socio corrispondente della Societè d'Economie Politique di Parigi;
- Vice Presidente della Economic History Society di Cambridge;
- Socio corrispondente del Coben Club di Londra;
- Socio corrispondente della Oesterreichische Akademie der Wissenschaften di Vienna.

Gli sono state conferite le lauree "honoris causa" dalle Università di Parigi e di Algeri.

E' stato autore di numerosissime pubblicazioni scientifiche, soprattutto nelle materie economiche, alcune delle quali tradotte nelle principali lingue straniere.

Si è dedicato personalmente alla conduzione della sua azienda agricola presso Dogliani, applicandovi i più moderni sistemi colturali.

E' stato nominato Senatore del Regno nel 1919.

Lasciata l'attività giornalistica dopo l'avvento del fascismo, dopo il 25 luglio 1943 ha collaborato a "Il Corriere della Sera".

Dopo l'8 settembre si è rifugiato in Svizzera ed è rientrato in Italia nel 1945; ha redatto una serie di articoli economici e politici per "Il Risorgimento Liberale".

E' stato nominato Governatore della Banca d'Italia (5 gennaio 1945 11 maggio1948), ed è stato nominato componente della Consulta Nazionale (1945-1946).

E' stato eletto Deputato all'Assemblea Costituente nel 1946 (Unione Democratica Nazionale) ove ha dato un autorevole contributo ai lavori ed è stato Senatore di diritto del Senato della Repubblica ai sensi della terza disposizione transitoria della Costituzione (1948).

E' stato nominato Vice Presidente del Consiglio dei Ministri e Ministro delle Finanze e del Tesoro (1947), del Bilancio (conservando l'incarico di Vice Presidente del Consiglio) (1947-1948, nel IV Governo De Gasperi).

E' eletto Presidente della Repubblica l'11 maggio 1948: ha prestato giuramento il giorno successivo. E' divenuto Senatore a vita quale ex Presidente della Repubblica.

Tra le opere pubblicate dopo la fine del mandato presidenziale si ricorda in particolare: "Lo Scrittoio del Presidente".

E' deceduto il 30 ottobre 1961.

Luigi Einaudi
Luigi Einaudi
Luigi Einaudi e Ida Pellegrini

 Poderi Luigi Einaudi Az. Agricola Srl - Borgata Gombe 31 - Cascina Tecc - 12063 Dogliani (Cn) Italia
 P.Iva 02262000041 - Note legali - Cookie Policy

powered by blulab 

photos by Tino Gerbaldo 
Accademia del BaroloItaly's finest wines